Niiik, Dall' Inferno al Paradiso Musicale

04.04.2019
1) Ciao Niiik, grazie per tua disponibilità a rispondere ai nostri quesiti. Ti va di presentarti a chi ancora non ti conoscesse ?
Ciao a tutti! Mi chiamo Nicolò Garganigo in arte NIIIK, sono un cantautore comasco innamorato della musica e della bellezza di esprimere tutte le proprie emozioni attraverso di essa.

2) Il 22 Marzo è uscito il tuo nuovo brano "Inferno" ti va di parlarcene?
Inferno è una canzone che nonostante il titolo parla di amore, in tutte le sue sfumature, dalla relazione tra 2 persone, alla famiglia, all'amicizia. In questo titolo si cela anche la voglia di far capire che dietro a grandi emozioni c'è sempre il superamento di qualcosa di negativo, dell'inferno in cui abbiamo vissuto fino a quel momento.
È stata un'idea che mi è venuta pochi giorni prima della registrazione e abbiamo scelto di cambiare i piani che avevamo. Volevo fosse qualcosa di semplice ma allo stesso tempo interessante e che desse la possibilità ai miei fan di essere presenti. L'amore come dicevo già prima, non è simboleggiato sempre da un'unica immagine, in questo modo abbiamo dato a tutti la possibilità di esprimere la loro idea di amore.
La musica per me ha fatto tutto, è sempre stata presente in ogni momento difficile o felice della mia vita e mi ha accompagnato sempre sostenendomi. Il rapporto che ho con la musica è di profonda gratitudine e quello che provo a fare io ogni giorno facendo musica è cercare si restituire un poco di quello che mi è stato dato. La mia più grande speranza è che le mie canzoni e i miei testi possano dare questo qualcosa di importante anche solo a poche persone ma comunque avere un valore per loro.
Credo sia molto difficile pensare di "sfondare" nella musica oggi senza fare compromessi, senza vendersi a stili o a copioni già definiti da altri per l'artista. Ma credo anche che la vera musica non sia quella che porti cascate di denaro, ma al contrario quella che soddisfi interamente chi la fa. Conosco molti artisti che vivono la vita che avrebbero voluto facendo musica senza il successo e questo credo sia impagabile. Oggi la maggior parte delle persone pensano solo ai soldi e ai numeri di fan, follower etc etc, io sono un romantico, credo ancora fortemente nella felicità e nella libertà.
Assolutamente, avere vicino le persone che ci amano o che ci supportano è fondamentale quando si fa musica a mio parere. Il musicista in molte occasioni è solo, su un palco sembriamo avere in mano il mondo ma una volta scesi diventa tutto difficile, avere persone accanto che capiscono questa situazione è fondamentale. Anche dal lato compositivo è importantissimo, la fase di creazione e registrazione di un pezzo è molto dura e piena di alti e bassi, per questo avere musicisti e produttori di livello al proprio fianco è fondamentale, non a caso per questo progetto ho voluto fortemente al mio fianco un grande produttore e amico come Luca Stasi.
Quanto contano le emozioni oggi nella musica? Le emozioni oggi sono tutto, sono quello che è più difficile trovare nella nostra realtà di ogni giorno. Ci nascondiamo dietro cellulari, computer, tablet che ormai stanno togliendo ogni forma di emozione e di personalità. Invece che sorridere mandiamo faccine che ridono, invece che dire "ti amo" mandiamo cuori... Credo la musica abbia un grande obbligo, quello di riportare in primo piano le emozioni, la vita vera vissuta! Io personalmente lo provo a fare con tutti i miei pezzi e spero venga recepito dai miei ascoltatori, anche se solo occasionali.
Bella domanda... Pensandoci un po' su mi verrebbe da rispondere un'aquila, il perché lo vado a riprendere dal singolo del mio secondo lavoro pubblicato nel 2014 ICARO: quel pezzo parlava proprio della spensieratezza di poter volare, lasciare tutti i problemi a terra e fluttuare verso il sole alla ricerca della felicità. Ecco allora in questo caso un'aquila potrebbe andare bene come allegoria.
Un grazie di cuore a tutti voi per l'opportunità che mi avete dato, un saluto e un ringraziamento grandissimo anche al mio producer Luca Stasi, a Marta Scaccabarozzi che mi sta aiutando in questo percorso di crescita artistica e a tutte le persone che dedicano ogni giorno anche solo pochi secondi a quello che faccio. È soprattutto merito loro tutto questo.

CONTATTI :


3) Il video della canzone è interamente incentrato su un album di foto che segue lo storyboard delle liriche del brano, come mai questa scelta ?
È stata un'idea che mi è venuta pochi giorni prima della registrazione e abbiamo scelto di cambiare i piani che avevamo. Volevo fosse qualcosa di semplice ma allo stesso tempo interessante e che desse la possibilità ai miei fan di essere presenti. L'amore come dicevo già prima, non è simboleggiato sempre da un'unica immagine, in questo modo abbiamo dato a tutti la possibilità di esprimere la loro idea di amore.

4) Cosa ha fatto la musica per te? E cosa tu hai fatto per la musica ?
La musica per me ha fatto tutto, è sempre stata presente in ogni momento difficile o felice della mia vita e mi ha accompagnato sempre sostenendomi. Il rapporto che ho con la musica è di profonda gratitudine e quello che provo a fare io ogni giorno facendo musica è cercare si restituire un poco di quello che mi è stato dato. La mia più grande speranza è che le mie canzoni e i miei testi possano dare questo qualcosa di importante anche solo a poche persone ma comunque avere un valore per loro.

5) Pensi che al giorno d' oggi si possa vivere di sola musica ?
Credo sia molto difficile pensare di "sfondare" nella musica oggi senza fare compromessi, senza vendersi a stili o a copioni già definiti da altri per l'artista. Ma credo anche che la vera musica non sia quella che porti cascate di denaro, ma al contrario quella che soddisfi interamente chi la fa. Conosco molti artisti che vivono la vita che avrebbero voluto facendo musica senza il successo e questo credo sia impagabile. Oggi la maggior parte delle persone pensano solo ai soldi e ai numeri di fan, follower etc etc, io sono un romantico, credo ancora fortemente nella felicità e nella libertà.

6) Sei sempre stato supportato nel tuo percorso ad artistico dai chi ti è stato vicino nelle varie tappe della tua vita ?
Assolutamente, avere vicino le persone che ci amano o che ci supportano è fondamentale quando si fa musica a mio parere. Il musicista in molte occasioni è solo, su un palco sembriamo avere in mano il mondo ma una volta scesi diventa tutto difficile, avere persone accanto che capiscono questa situazione è fondamentale. Anche dal lato compositivo è importantissimo, la fase di creazione e registrazione di un pezzo è molto dura e piena di alti e bassi, per questo avere musicisti e produttori di livello al proprio fianco è fondamentale, non a caso per questo progetto ho voluto fortemente al mio fianco un grande produttore e amico come Luca Stasi.

7) Rispondi da solo a un quesito che ti sei auto posto
Quanto contano le emozioni oggi nella musica? Le emozioni oggi sono tutto, sono quello che è più difficile trovare nella nostra realtà di ogni giorno. Ci nascondiamo dietro cellulari, computer, tablet che ormai stanno togliendo ogni forma di emozione e di personalità. Invece che sorridere mandiamo faccine che ridono, invece che dire "ti amo" mandiamo cuori... Credo la musica abbia un grande obbligo, quello di riportare in primo piano le emozioni, la vita vera vissuta! Io personalmente lo provo a fare con tutti i miei pezzi e spero venga recepito dai miei ascoltatori, anche se solo occasionali.

8) Domanda extra musicale : in alcune culture si dice che ognuno di noi ha un animale guida, se tu dovessi pensare al tuo quale pensi che potrebbe essere è perché ?
Bella domanda... Pensandoci un po' su mi verrebbe da rispondere un'aquila, il perché lo vado a riprendere dal singolo del mio secondo lavoro pubblicato nel 2014 ICARO: quel pezzo parlava proprio della spensieratezza di poter volare, lasciare tutti i problemi a terra e fluttuare verso il sole alla ricerca della felicità. Ecco allora in questo caso un'aquila potrebbe andare bene come allegoria.

9) Come ultimo atto di questa intervista ti invitiamo a salutare e ringraziare chi vuoi !!
Un grazie di cuore a tutti voi per l'opportunità che mi avete dato, un saluto e un ringraziamento grandissimo anche al mio producer Luca Stasi, a Marta Scaccabarozzi che mi sta aiutando in questo percorso di crescita artistica e a tutte le persone che dedicano ogni giorno anche solo pochi secondi a quello che faccio. È soprattutto merito loro tutto questo.

CONTATTI :

Intervista a cura di JD

Crea il tuo sito web gratis! Questo sito è stato creato con Webnode. Crea il tuo sito gratuito oggi stesso! Inizia