Mangiafocor: oltre la musica

25.04.2019

1. Come ti sei avvicinato al rap? 

Mi sono avvicinato a questo mondo da ragazzino, avevo 13 anni quando insieme ad amici iniziavamo ad ascoltare questa musica. Al tempo non c'era Spotify etc. Il rap andava avanti per passamano, il CD e le cassette valevano oro e si era parecchio gelosi delle proprie collezioni! 

2. Come vedi la "nuova struttura" del rap che si è formata in questi ultimi anni? 

Dipende, ci sono molteplici strutture e molteplici sfaccettature, io per quanto mi riguarda seguo unicamente l'underground, soprattutto quello romano, bolognese e sardo. I nomi mainstream, eccetto qualche artista che seguo, non lo ascolto e non lo condivido.
Se poi parliamo della Trap come struttura qui di apre un'altra questione. Diciamo che la Trap fatta bene è forte a tuttu gli effetti, il problema è il mare di merda che gli sta attorno. 

3. Pensi ci sia differenza tra artista e personaggio? 

La differenza tra i due la fa la persona in questione. Nel senso, l'MC deve intrattenere, nella maggior parte dei casi l'artista ha una personalità che lo rende un personaggio già di suo, senza precostruirlo. Ad oggi con i social però vedo che si pensa più al personaggio e poi all'artista, che viene messo in secondo piano. 

4. Cosa ispira maggiormente il tuo stile? 

Non è che abbia proprio qualcosa che mi ispiri, amo il rap hardcore e i suoni che riportino al classico boombap, mi piace scrivere e stare su beat così, in Thanatos si capirà subito lo stile del lavoro. 

5. Quale per te te è un pregio fondamentale che permette di mettersi in gioco? 

La prima cosa è il fregarsene ed estranearsi dal contesto, creare qualcosa con la voglia di esprimersi senza vincoli e catene, senza lasciarsi influenzare troppo da quello che sta attorno. Questo per non ritrovarsi il solito clone di un clone, come oggi vedo molto in giro.

6. E cosa per te è importante per essere originali? 

Si cerca sempre di essere unici, quasi fosse un obbligo trovare questo o quello che ci differenzia per emergere rispetto agli altri. Questo spesso sfoccia in azioni e atteggiamenti che vanno oltre la musica. L'originalità per me è fare le cose bene, con cura maniacale, mettendo sul piatto se stessi e le proprie esperienze, senza filtri, circondandosi di collaboratori appassionati e pronti a spingere.  

7. Descrivi la tua musica con 3 aggettivi: 

Dura, Grezza, Vera.

8. Hai dei progetti in corso? 

Il 22.04.2019 uscirà il mio ultimo lavoro, Thanatos, un album ufficiale interamente prodotto da Big Boo, con scratch di Dj PNT. All'interno varie collaborazioni come Deco dei Barramista, Avvo prodotto da Squarta , Filtro dei Libero Pensiero.
Rame, producer Sardo e SharkMax chitarrista con cui siamo al lavoro per altri progetti.
Dall'album è già uscito il primo video MEMENTO, con la regia di Alessio Argiolas.
Il 22 uscirà anche il secondo video sempre diretto da Alessio: Bye bye - carne, ossa e quattro quarti.

9. Quale ritieni che sia il tuo punto forte e il tuo punto debole? 

Punto forte per me è nella scrittura, punto debole non so, non faccio un genere di rap che può piacere a tutti, anzi proprio per una nicchia, ma per me questo è anche positivo! 

10. Ti ritieni soddisfatto del punto in cui sei arrivato? 

Grazie a quello che faccio ho avuto modo di conoscere e collaborare con persone uniche, che condividono il mio stesso punto di vista. Ho potuto parlare e confrontarmi con artisti che sono stati per me un punto di riferimento e che non avrei mai pensato di poter Conoscere, quindi si sono pienamente soddisfatto.  

Link Memento: https://youtu.be/Qi0d0ZkSD2s

Link Bye bye - carne ossa e quattro quarti: https://youtu.be/yz7MLfkEpEg

A cura di Narbe

Crea il tuo sito web gratis! Questo sito è stato creato con Webnode. Crea il tuo sito gratuito oggi stesso! Inizia